Privacy

Informativa ai sensi dell’art. 13 D. lgs. 196/2003 (Codice Privacy), D.lvo n.56/2004 (Normativa antiriciclaggio) e D.lvo 28/2010 (mediazione obbligatoria)

Gentile Cliente, ai sensi dell’art. 13 d. lgs. 196/2003 (di seguito T.U.), ed in relazione ai dati personali di cui l'avv. Valentina Carollo e/o il dott. Pierluigi Carollo e/o la dott.ssa Maddalena Carollo e/o il dott. Matteo Marcozzi e/o il geom. Alessandro Frassanella entreranno in possesso con la Sua richiesta di preventivo ovvero con l’affidamento della Sua pratica, La informiamo di quanto segue:

1. Finalità del trattamento dei dati. Il trattamento è finalizzato unicamente alla redazione del preventivo e/o alla corretta e completa esecuzione dell’incarico professionale ricevuto, anche in ambito giudiziale o stragiudiziale.

2. Modalità del trattamento dei dati. a) Il trattamento è realizzato per mezzo delle operazioni o complesso di operazioni indicate all’art. 4 comma 1 lett. a) T.U.: raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, cancellazione e distruzione dei dati. b) Le operazioni possono essere svolte con o senza l’ausilio di strumenti elettronici o comunque automatizzati. c) Il trattamento è svolto dal titolare e/o dagli incaricati del trattamento.

3. Conferimento dei dati. Il conferimento dei dati personali comuni, sensibili e giudiziari è strettamente necessario ai fini dello svolgimento delle attività di cui al punto 1.

4. Rifiuto di conferimento dei dati. L’eventuale rifiuto da parte dell’interessato di conferire dati personali nel caso di cui al punto 3 comporta l’impossibilità di adempiere alle attività di cui al punto 1.

5. Comunicazione dei dati. I dati personali possono venire a conoscenza degli incaricati del trattamento e possono essere comunicati per le finalità di cui al punto 1 a collaboratori esterni, soggetti operanti nel settore giudiziario, alle controparti e relativi difensori/consulenti, a collegi di arbitri e, in genere, a tutti quei soggetti pubblici e privati cui la comunicazione sia necessaria per il corretto adempimento delle finalità indicate nel punto 1.

6. Diffusione dei dati. I dati personali non sono soggetti a diffusione.

7. Trasferimento dei dati all’estero. I dati personali possono essere trasferiti verso Paesi dell’Unione Europea e verso Paesi terzi rispetto all’Unione Europea nell’ambito delle finalità di cui al punto 1 anche utilizzando sistemi di cloud storage. In riferimento a ques'ultimo punto, i Titolari del trattamento utilizzano server dislocati in Europa ovvero in Paesi che garantiscono un livello di tutela adeguato, in quanto firmatari di accordi internazionali che li riconoscono sicuri nel trasferimento dei dati sotto il profilo comunitario (es. Safe Harbour). 

8. Diritti dell’interessato. L’art. 7 T.U. conferisce all’interessato l’esercizio di specifici diritti, tra cui quello di ottenere dal titolare la conferma dell’esistenza o meno dei propri dati personali e la loro messa a disposizione in forma intelligibile; l’interessato ha diritto di avere conoscenza dell’origine dei dati, della finalità e delle modalità del trattamento, della logica applicata al trattamento, degli estremi identificativi del titolare e dei soggetti i cui dati possono essere comunicati; l’interessato ha inoltre diritto di ottenere l’aggiornamento, la rettificazione e l’integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge; il titolare ha il diritto di opporsi, per motivi legittimi, al trattamento dei dati.

9. Titolare del trattamento. Titolari del trattamento sono l’avv. Valentina Carollo, il dott. Pierluigi Carollo, la dott.ssa Maddalena Carollo, il dott. Matteo Marcozzi, il geom. Alessandro Frassanella con studio in Rovereto, via Pasqui 28/6, ciascuno in relazione al proprio ambito di competenza.

10. La presente informativa viene redatta e comunicata anche ai sensi della normativa vigente in materia di antiriciclaggio, essendo il professionista sottoposto agli obblighi di identificazione, registrazione e segnalazione di cui al D.Lvo 56/2004.

11. Cancellazione automatica dei dati nel caso di mancata accettazione del preventivo. La informiamo che in caso di mancata accettazione del preventivo tutti i dati forniti saranno cancellati salvo gli adempimenti di legge.

12. Cookie, dati di navigazione e utilizzo del sito web www.studiocarollo.com: Visualizza politica dei cookies.

13. Mediazione obbligatoria. Si informano i Clienti che chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa a una controversia civile e commerciale vertente su diritti disponibili deve sapere: 1. della facoltà, assistito da un avvocato, di avvalersi del procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010, dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179 (Procedure di conciliazione e arbitrato presso la Consob e sistema di indennizzo), per le materie ivi regolate, nonché del procedimento di conciliazione istituito in attuazione dell'articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate; 2. dell'obbligo di utilizzare, con l’assistenza di un avvocato, il procedimento di mediazione previsto dal d.lgs. n. 28/2010, in quanto condizione di procedibilità del giudizio, nel caso che la controversia sia relativa a diritti disponibili in materia di diritti reali, condominio, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno da responsabilità medica e sanitaria, da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari ovvero di avvalersi del procedimento previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179 (Procedure di conciliazione e arbitrato presso la Consob e sistema di indennizzo), per le materie ivi regolate, nonché del procedimento di conciliazione istituito in attuazione dell'articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate; 3. della possibilità, qualora ne ricorrano le condizioni, di avvalersi del gratuito patrocinio a spese dello Stato per la gestione del procedimento nei casi in cui il tentativo di conciliazione è condizione di procedibilità del giudizio; 4. dei benefici fiscali connessi all'utilizzo della procedura ed in particolare della possibilità di giovarsi di un credito d'imposta commisurato all'indennità che sarà corrisposta all'Organismo di mediazione, fino a concorrenza di 500 euro, in caso di successo della mediazione (credito ridotto della metà in caso di insuccesso della stessa); nonché del fatto che tutti gli atti, documenti e i provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall'imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura e della circostanza che il verbale di accordo è esente dall'imposta di registro entro il limite di valore di 50.000 (cinquantamila) euro e che in caso di valore superiore l' imposta è dovuta solo per la parte eccedente.

14. Negoziazione assistita. Si informano altresì i Clienti della possibilità di ricorrere alla convenzione di negoziazione assistita (art. 2, co., D.L. 132/2014 convertito con modificazioni dalla L. 162/2914), e dei casi in cui questa è condizione di procedibilità della domanda giudiziale (art. 3, D.L. 132/2014 cit.) ovvero: controversia in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti, domanda di pagamento a qualsiasi titolo di somme non eccedenti cinquantamila euro, fatta eccezione per: le controversie concernenti obbligazioni contrattuali derivanti da contrtti conclusi tra professionisti e consumatori; i procedimenti per ingiunzione, inclusa l'opposizione; i procedimenti di consulenza tecnica preventiva ai fini della coposizione della lite, di cui all'articolo 696-bis del codice di procedura civile; i procedimenti di opposizione o incidentali di cognizionerelativi all'esecuzione forzata; i procedimenti in camera di consiglio; l'azione civile esercitata nel processo penale; i procedimenti urgenti e cautelari e la trascrizione della domanda giudiziale.